L'esposizione al Sole

Inserito in Dermatologia

donna-spiaggia-occhiali-da-soleLa corretta esposizione al sole è importantissima per la salute delle nostre ossa e per l’intero organismo. Tuttavia, essa rappresenta anche un rischio per la salute, dal momento che i raggi UV possono

essere dannosi per la pelle. Per proteggerci efficacemente dal sole senza rinunciare ai suoi benefici, la parola chiave è: "protezione".

Dimentichiamo i falsi miti sull'esposizione al sole ed adottiamo, da adesso e per sempre, queste regole fondamentali:

 

 

1) Almeno un mese prima dell'esposizione al sole è importante assumere degli integratori a base di betacarotene, la sostanza che stimola la produzione di melanina e che aiuta a raggiungere

un’abbronzatura dorata. Anche a tavola è opportuno seguire un’alimentazione corretta; sono da prediligere cibi come le carote, i pomodori, i peperoni ed il sedano perché ricchi di carotenoidi ed

anche di vitamine C ed E, che servono a combattere i radicali liberi;

le pesche, le albicocche, i meloni, i cocomeri, le fragole, i kiwi, i ribes, il mango e la papaya, perché ricchi di carotenoidi; il fegato, le uova ed i latticini, che aiutano la produzione di melanina ed il

pesce, che protegge, grazie agli omega 3 ed omega 6, la pelle dal rischio ossidativo.

2) Con l’arrivo della stagione calda, la pelle va idratata con creme non troppo ricche ed oleose, perché impediscono la traspirazione e trattenengono il calore nei tessuti.

3) La pelle deve essere aiutata ad abbronzarsi in modo graduale ed omogeneo. Nei primi 4 – 5 giorni di esposizione, è fondamentale utilizzare filtri o schermi solari totali, preferendo quelli contenenti

schermi fisici (creme contenenti ossido di zinco, ad esempio).

Lascelta si deve basare sul fattore protettivo, ovvero sulla capacità di difendere la pelle dai raggi UV, che non dovrebbe mai essere inferiore all’indice di protezione 30. Un altro importante requisito

delle creme solari è la capacità di ridurre i radicali liberi, che sono responsabili, oltre che dell’invecchiamento cutaneo, anche delle neoplasie più pericolose. Va ricordato, inoltre, che l’efficacia

protettiva dei filtri solari muta in ragione del contatto con altri cosmetici ovvero con l’acqua e che, pertanto, l’applicazione va ripetuta più volte durante l’esposizione al sole.

4) Se si è in spiaggia, bisogna evitare che l’acqua del mare si  asciughi sulla pelle: l'accumulo di microcristalli salini, infatti, secca la cute e forma dei piccoli specchi che riflettere i raggi UV con più

intensità e favoriscono, quindi, le scottature.

L’osservanza di queste regole preserverà la nostra pelle dalle scottature (dai leggeri arrossamenti fino alla comparsa di bolle e vesciche), dalla formazione di rughe e di macchie causate dalla

foto-esposizione, ma anche e soprattutto, dai tumori della pelle, la cui pericolosità, purtroppo, è ben nota a tutti.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.