Psicologia

Inserito in Psicologia

Dott.ssa Ludovica Bedeschi                          Dott.ssa Maria Casella

Psicoterapeuta                                                 Psicoterapeuta

 

 Una struttura attenta a sottolineare l'importanza dell'organismo nella sua totalità non può non contemplarne anche l'aspetto psicologico.

In un'ottica integrata di tipo psico-corporeo l'individuo viene considerato nella sua interezza senza separarne gli aspetti psichici da quelli fisici.

Com'è possibile pensare ad una persona separata dal proprio corpo? o ad un'emozione slegata dal battito del cuore o dal respiro? o magari ad una postura che non esprima un atteggiamento o un insieme di atteggiamenti?

Quando chiedere un colloquio psicologico?

La curiosità è già un buon motivo per chiedere un primo colloquio. Il primo incontro è sempre un incontro di conoscenza a cui non è detto segua una terapia vera e propria. Innanzittuo entrambe le parti si devono "scegliere"; in secondo luogo ci sono dei momenti, anche brevi della vita, in cui si avverte unicamente il bisogno di essere sostenuti nell'affrontare un cambiamento, una separazione o un lutto, una decisione importante, o difficoltà di altro genere.

Quando inziare un percorso?

Rivolgersi allo psicologo non vuol dire essere malati ma significa investire sul proprio benessere dando il giusto ascolto a sensazioni di disagio che ci fanno desiderare di star meglio ma senza sapere bene come fare.

L'intensità e la forma che il disagio assume differiscono da persona a persona. Nell'ambito dei disturbi dell'alimentazione, ad esempio, si passa dall'anoressia, alla bulimia, alle orge alimentari, alla "semplice" difficoltà di mantenere un regime dietetico: tutte meritevoli della dovuta attenzione.

Che cosa si fa e qual è il fine?

Compito dello psicologo è aiutare la persona ad aiutarsi da sé, nel massimo rispetto degli affetti, dei valori e delle idee di chi chiede aiuto.

Il fine è l'autonomia della persona: recuperare la capacità di scegliere, di attingere alle proprie risorse e di agire secondo il proprio modo di sentire.

Quanto dura?

Si è soliti pensare al percorso psicologico come a qualcosa di molto lungo in termini di tempo.

"Sai quando inizi e non sai quando finisci". Il lavoro per obiettivi consente di stabilire un contratto a breve termine finalizzato al raggiungimento di un obiettivo, prefisso durante il primo colloquio.

Questo per favorire la persona nel sentirsi autonoma e nel poter valutare di volta in volta l'opportunità di proseguire o meno.

Trattamenti individuali, di coppia e famigliari - Disturbi d'Ansia (Ansia, Attacchi di panico, Fobie) - del Comportamento Alimentare (Anoressia, Bulimia) - del Controllo degli Impulsi della Personalità Somatoformi (Somatizzazione, Ipocondria) - del Sonno Sessuali e dell'Identità di genere dell'Umore (Depressione) - Prevenzione e diagnosi - Riabilitazione - Sostegno psicologico - Tecniche di rilassamento - Training autogeno - Perizie psicologiche - Tecniche arti-terapeutiche e gestaltiche - Classi di esercizi bioenergetici